Cos’è la cogenerazione

La cogenerazione per applicazioni industriali

 

Introduzione:

Il concetto di cogenerazione, come la parola stessa fa intuire, allude alla produzione di energia elettrica e termica in modo simultaneo grazie ad una risorsa fossile primaria di vario tipo. È conosciuta anche con l’acronimo inglese di CHP - Combined Heat and Power (Combinazione di Calore e Potenza). Un impianto di cogenerazione necessita di una risorsa primaria che alimenti il sistema stesso; tale risorsa può essere il gas naturale, la biomassa, il biogas, il biometano e GNL. La tecnologia della cogenerazione è in costante evoluzione, ed infatti, esistono sistemi che utilizzano l’idrogeno come fonte primaria di alimentazione dell’impianto.

Funzionamento:

Ad oggi gli impianti di cogenerazione possono funzionare principalmente attraverso due cicli distinti: ciclo Brayton-Joule e ciclo otto. Il primo fa riferimento a impianti di cogenerazione che al loro interno presentano una turbina alimentata a gas ad alta pressione, il secondo fa riferimento a un cogeneratore con un classico motore endotermico a combustione interna alimentato con il giusto vettore energetico. 

L’energia che sprigiona il gas immesso nel motore genera una certa quantità di energia meccanica, che, attraverso l’apposito “alternatore” viene trasformata in energia elettrica. L’efficienza  di energia elettrica di questi tipi di motori si attesta in un range che va dal 35 al 40 % circa (la correlazione dipende anche dalla taglia del motore in questione, in genere più la macchina è grossa più l’efficenza ottenuta sarà maggiore). Al fine di ottenere un’efficienza energetica globale del sistema maggiore di un semplice impianto per la produzione dell’energia elettrica ogni cogeneratore è correlato con diversi scambiatori di calore solitamente atti a recuperare il calore, altrimenti perso, tramite i fumi di scarico e tramite il corpo del motore stesso. Questo processo di recupero termico consente all’impianto di ottenere calore a bassa temperatura (fino a 90 gradi centigradi circa) da distribuire alle utenze o processi industriali che ne necessitano. Grazie a questi accorgimenti e all’utilizzo di scambiatori di calore ad altissima efficienza il sistema complessivo raggiunge un’efficenza globale che si conferma tra 80 e il 90%, riducendo notevolmente le emissioni di CO₂ rispetto alle tradizionali centrali termiche per la produzione di energia che disperdono in ambiente circa il 60% della loro energia primaria. 

Perche Termogamma:

Perchè Termogamma è un vero sarto di soluzioni energetiche, una società che mette avanti le persone e la cura dell’aspetto empatico di ogni relazione alla mera vendita, infatti, in 35 anni di sviluppo ha sempre evidenziato e cercato di sviluppare in maggior misura le fasi che la contraddistinguo dagli altri player del settore, quali ascolto delle reali esigenze del cliente, totale flessibilità sulle soluzioni offerte e servizio di manutenzione studiato per generare relazioni durature e basate sulla fiducia. Infatti, la politica aziendale di Termogamma, date le sue dimensioni, le permettono di seguire realmente il cliente attraverso i suoi dubbi, offrendogli in conclusione una soluzione unica e studiata appositamente per la sua realtà industriale.

Termogamma si occupa di ogni aspetto e stadio del percorso che un cliente intraprende dopo la volontà di abbracciare una polita green, che quindi spazia dalla genesi dell’idea intenzionale di installare un impianto di cogenerazione alla cura di quest’ultimo fino alla morte della soluzione cogenerativa.