Free cooling

Free-cooling è una tecnologia capace di generare energia frigorifera con un consumo di energia elettrica minimo. La parola “free” o gratuito, si riferisce al fatto che la sua risorsa primaria - la bassa temperatura dell’ aria esterna -  è già disponibile e gratuita.

Quanto bassa deve essere la temperatura dell’aria esterna?

Il termine rilevante in questo caso è la temperatura di  set-point, ovvero la temperatura che, secondo le esigenze dell’utente, deve essere mantenuta nel processo produttivo o nell’edificio da raffrescare. Il free-cooling avviene quando la temperatura esterna è almeno 2 gradi in meno rispetto alla temperatura di set-point.

Chi puó usare un sistema di free-cooling?

Gli ambienti ideali dove un sistema di free-cooling può essere installato sono le zone climatiche fredde o continentali e con utenti che abbiano bisogno di energia frigorifera durante tutto l’anno. Ciò comprende molte industrie, aziende manifatturiere, data-centers e spazi in cui c’è la necessità di mantenere costante la temperatura e l’umidità (camere bianche, aree refrigerate,  specifiche zone di ospedali, ecc.).Inoltre, tra i settori industriali più pertinenti, possiamo menzionare il settore della plastica, quello alimentare, metallurgico e farmaceutico.

Valutazione

Per valutare la fattibilità e la convenienza dell’installazione di un sistema free-cooling, puoi partire analizzando le seguenti domande:

  • Qual’è la tua area climatica di riferimento?
  • Utilizzi energia frigorifera in modo costante durante tutto l’anno o ti serve solo per qualche mese?
  • Quanti kilowatts di energia frigorifera consumi in media ogni mese?
  • Se possiedi gruppi frigoriferi, qual’è la loro efficienza? Qual’è il costo dell’energia elettrica che stai attualmente pagando per produrre il freddo?
  • Esistono nel tuo paese dei fondi pubblici che incentivano l’efficienza energetica e/o la riduzione di immissioni di CO2 nell’ambiente?

Considerando questi quesiti come un punto di partenza, non esitare a contattarci per avere maggiori dettagli sull’analisi di fattibilità di un sistema free-cooling. Manda una richiesta a Termogamma® 

I sistemi di free-cooling, anche chiamati “Free-cooling chiller-plants” (FCCP), basano la loro tecnologia su gruppi frigoriferi raffreddati ad aria oppure raffreddati ad acqua. Entrambi integrano un approccio “tradizionale”  di raffreddamento con uno “free-cooling”, in presenza di una temperatura esterna appropriata. Durante il free-cooling, i compressori si spengono automaticamente e l’unico consumo di energia elettrica è legato ai componenti  ausiliari dell’impianto.

La scelta tra le due tecnologie dipende da vari fattori, quali la disponibilità di acqua ed il suo costo, la disponibilità di spazio, il costo dell’energia elettrica ed il periodo di tempo, nell’anno, in cui l’utente può utilizzare la modalità free-cooling. Le FCCP ad acqua raggiungono livelli di efficienza energetica più elevati rispetto a quelli ad aria,  ed occupano inoltre un minore spazio d’ingombro.

Free-cooling  e gruppi frigoriferi tradizionali

L'efficienza energetica media si differenzia in modo significativo tra gruppi frigoriferi tradizionali e Free-cooling chiller plants, non solo d’inverno ma anche d’estate.  Qui di seguito un confronto dell’efficienza energetica media stagionale,  relativa alla produzione di 1200 kW frigoriferi:

Tecnologia Media stagionale
(Estate)
Media stagionale
(Inverno)
Gruppo frigorifero raffreddato ad aria EER 2,5 EER 3,5
Free-cooling chiller plant raffreddato ad acqua EER 4,5 EER 24
Gruppo frigorifero raffreddato ad aria – consumo elettrico 480 kW elettricità 343 kW elettricità
Free-cooling chiller plant raffreddato ad acqua – consumo elettrico 267 kW elettricità 50 kW elettricità

Capacità frigorifera dei sistemi

I sistemi da 400 kW a 1200 kW frigoriferi possono essere installati in un singolo modulo prefabbricato. Considerando che i moduli sono duplicabili, si può soddisfare qualsiasi esigenza in termini di potenza di energia frigorifera.

Smart management

Gli impianti di free-cooling hanno un software dedicato in grado non solo di controllare l’accensione e lo spegnimento della modalità free-cooling, ma anche di stabilire quanta energia frigorifera produrre in base alle necessità di freddo del momento.

Manutenzione

Gli impianti di free-cooling hanno un ciclo vita molto lungo in confronto ai gruppi frigoriferi tradizionali, poiché in modalità free-cooling i compressori vengono automaticamente spenti e le loro ore di funzionamento annuali si riducono considerevolmente. Tutte le attività di manutenzione vengono pianificate e monitorate da un software del sistema, lo stesso che gestisce il passaggio fra l’operatività ordinaria e il funzionamento free-cooling.

Dai uno sguardo alle testimonianze / i casi-studio di alcuni dei nostri clienti, e ai risultati ottenuti grazie all’istallazioni di impianti free-cooling.

Termogamma BLOG